I 4 ELEMENTI – I Principi originari della Vita – X – ASTROLOGIA: I 4 Elementi in eccesso, difetto, equilibrio (2) – di Daniela Deneb Felici

Una volta individuato l’elemento dominante riconoscere alcuni aspetti che caratterizzano il nostro modo di affrontare la vita. Abbiamo visto come alla Terra siano collegate legate qualità quali la solidità, la stabilità, la compattezza, la sicurezza. Alla Terra è legata la forza di gravità e quindi tutto ciò che riguarda il piano materiale. Quando l’elemento Terra è in equilibrio dentro di noi ci sentiamo stabili, saldi e fiduciosi. Non siamo né troppo pesanti, né troppo leggeri, siamo ben radicati nell’esperienza. La fede in ciò che facciamo è salda, abbiamo il senso della responsabilità e della indipendenza.
Se l’elemento Terra è in eccesso dentro di noi, siamo lenti e pesanti, pigri e confusi. Il pensiero è limitato, manca di creatività. Ci sentiamo rassegnati, incapaci di portare un cambiamento nei rapporti personali, sul lavoro. Ci identifichiamo con i problemi che diventano così insuperabili. Se l’elemento Terra è in difetto dentro di noi saremo incostanti, agitati; sentiamo di non avere un appoggio. Non riusciamo a portare a termine ciò che abbiamo cominciato, siamo insoddisfatti. Siamo sempre alla ricerca di un qualcosa a cui aggrapparci per avere sicurezza. Nella meditazione terapeutica l’elemento Terra equilibrato rappresenta un aiuto importante e necessario per noi stessi e per il paziente.
L’Acqua è legata alla fluidità, alla scorrevolezza. Quando l’elemento Acqua è in equilibrio abbiamo serenità, ci muoviamo con scioltezza nelle varie situazioni, sappiamo accettare i cambiamenti. Abbiamo dentro di noi la gioia di vivere, che è indipendente da fattori esterni. Siamo felici, ci emozioniamo, godiamo della vita. 
Se l’elemento Acqua è in eccesso abbiamo un’abbondanza di sentimenti e di emozioni, tendiamo a non assumerci le nostre responsabilità, non siamo produttivi, ci manca l’impegno per condurre in porto i nostri progetti. Rischiamo di diventare piagnucolosi, ci lamentiamo e ci autocommiseriamo facilmente. 
Se l’elemento Acqua è in difetto proviamo un senso di malessere interno, di disagio nei confronti degli altri; ci manca la gioia, l’ascolto, la compassione, l’empatia.
Il Fuoco è legato alla creatività, alla capacità di avviare progetti e di concluderli con intuizione ed entusiasmo. 
Quando l’elemento fuoco è in equilibrio ci sentiamo felici sul lavoro e realizzati. 
Se l’elemento fuoco è in eccesso ci agitiamo facilmente, siamo irritabili e impulsivi. Manchiamo di tolleranza nei confronti degli altri, ci infastidiamo dei loro comportamenti, anche i più normali. Siamo irrequieti, abbiamo sonni agitati. 
Se l’elemento fuoco è in difetto manchiamo di vitalità e di creatività; non abbiamo entusiasmo, né piacere sul lavoro: la vita scorre piatta, abitudinaria con azioni meccanicamente ripetute.
L’Aria è legata al cambiamento, alla capacità di trasformazione: dal negativo al positivo, dall’avidità alla generosità, dalle sensazioni conflittuali alle beatitudine della pace interiore. 
L’aria è altresì legata alla curiosità e alla capacità di apprendere. 
Quando l’elemento aria è in equilibrio ogni preoccupazione trova una soluzione, rimaniamo flessibili, sappiamo ben gestire situazioni ansiogene, siamo capaci di accumulare conoscenze sotto prospettive diverse. 
Se l’elemento aria è in eccesso siamo poco stabili e manchiamo di serenità, siamo nervosi, incapaci di concentrarci. Non siamo capaci di adattarci e una minima contrarietà ci fa sentire infelici. 
Se l’elemento aria è in difetto siamo come immobili, è molto difficile cambiare le cose; quando sorge in noi una preoccupazione non riusciamo a farla passare e ci rode dentro. 

Condividi l'articolo